Collegamenti sponsorizzati

Verifica impianto terra

Verifica impianto terra e guida alla prima verifica

Verifica impianto terra e guida alla prima verifica
Collegamenti sponsorizzati
La verifica impianti di terra e la verifica impianti contro le scariche atmosferiche sono molto importanti per tenere alto il livello di sicurezza degli impianti elettrici in particolare negli edifici ad uso civile e nelle attività produttive; eventuali anomalie e disfunzioni di questi impianti possono provocare incidenti o infortuni anche di notevole gravità. A questo proposito l’Inail ha predisposto una Guida Tecnica alla prima verifica degli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche e impianti di messa a terra, che di seguito presentiamo.
Verifica impianto terra
Per avere garanzia di un elevato livello di sicurezza degli impianti elettrici è importante che sia presente, assieme ai dispositivi d’interruzione automatica del circuito elettrico, "un impianto di terra in grado di disperdere nel terreno correnti elettriche" che, in caso diverso, potrebbero passare attraverso un corpo umano nel caso in cui si verifichi un guasto ad un’apparecchiatura in grado di mettere in contatto i conduttori in tensione e la carcassa metallica dell'apparecchiatura stessa. Inoltre per la protezione di strutture particolarmente sensibili (come strutture metalliche di grandi dimensioni), hanno particolare rilievo gli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche. La messa a terra di protezione non comprende esclusivamente l’impianto elettrico, ma anche gli altri impianti e le parti metalliche presenti negli edifici (impianto idraulico, tubazioni di ogni tipologia, travature, impianto di riscaldamento), in questa maniera il fabbricato si trova in condizioni di sicurezza anche rispetto a un eventuale fulmine che lo colpisse. Per quanto detto assume grande rilievo l’esecuzione della verifica dell'impianto elettrico e in particolare la verifica impianto di terra e la verifica scariche atmosferiche.

Prima verifica impianto terra
Al fine di agevolare il compito degli operatori del settore, dei datori di lavoro e di coloro che sono responsabili di condomini e fabbricati l’Inail ha predisposto, tramite il Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti, una Guida tecnica alla prima verifica degli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche e degli impianti di messa a terra di cui al D.P.R. n. 462/01. Questa norma disciplina i procedimenti relativi alle installazioni ed ai dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, agli impianti elettrici di messa a terra e agli impianti elettrici in luoghi con pericolo di esplosione collocati nei luoghi di lavoro in cui sia presente almeno un lavoratore. I datori di lavoro, entro 30 giorni dalla messa in esercizio dell’impianto, devono inviare la dichiarazione di conformità contenente le verifiche effettuate sull’impianto, all’Inail che provvederà ad effettuare il controllo a campione della prima verifica.

Verifica impianto terra: Struttura della Guida Inail
Più in dettaglio la Guida si occupa di definire:
♦ l’ambito di applicazione, ovvero i luoghi di lavoro con l’individuazione della figura di un “lavoratore”;
♦ i campi di applicazione (impianti di messa a terra, impianti di protezione dalle scariche atmosferiche, impianti di messa a terra installati in luoghi con pericolo di esplosione);
♦ i campi di esclusione;
♦ i compiti dell’Inail;
♦ le modalità di trasmissione della dichiarazione di conformità;
♦ i sistemi di campionatura;
♦ le procedure di verifica e sicurezza;
♦ l’elenco degli uffici Inail a cui inviare le dichiarazioni;
♦ la modulistica da inviare all’Inail.

Segnaliamo la Nuova Guida Inail per le verifiche agli impianti elettrici nei locali medici che sempre in base all'art. 80 del d.lgs. 81/08 obbliga il datore di lavoro a provvedere affinché i lavoratori nei luoghi di lavoro siano protetti dai rischi di natura elettrica che possono derivare dagli impianti, dalle attrezzature e dai materiali elettrici. Allo scopo di eliminare o ridurre a livello accettabile i rischi, il datore di lavoro redige un documento di valutazione degli stessi sulla base del quale adotta i dispositivi di protezione collettivi e individuali necessari e predispone procedure lavoratve adeguate. Le verifiche, sempre ai sensi del d.p.r. 462/01, e i controlli, ai sensi dell’art. 86 del d.lgs. 81/08, sono di riscontro della correttezza dell’operato dei soggetti impegnati all’esercizio e alla manutenzione degli impianti stessi, perchè nei locali medici, la tutela della salute e della sicurezza dei pazienti si aggiunge a quella dei lavoratori. .


 
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Sicurezza elettrica

La "sicurezza elettrica" non è rilevante soltanto nei luoghi di lavoro in cui ...

Verifica impianti elettrici

La verifica impianti elettrici è un'attività di notevole importanza sia nelle ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati

Dati societari art. 42 Legge 88/2009
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta