Collegamenti sponsorizzati

Stress lavoro correlato

Analisi dello stress da lavoro correlato

Articolo aggiornato il 16-03-2018

Analisi dello stress da lavoro correlato
Collegamenti sponsorizzati
In molte attività lo "stress lavorativo" è divenuto una delle più importanti criticità presenti sul posto di lavoro, ed ha come conseguenza un pesante rischio per la salute (fisica e mentale) dei lavoratori. Coinvolge in Europa un quarto dei lavoratori e fa perdere molte giornate di lavoro. Questo fenomeno è in rapida espansione e il numero dei lavoratori che soffrono di stress da lavoro legato all’attività svolta è in continuo aumento. Oltre alla descrizione dello "stress da lavoro correlato" indichiamo alcune possibili soluzioni a tali criticità e alcuni siti di riferimento in materia.
Stress lavoro correlato
Diciamo innanzi tutto che lo stress non deve essere considerato come una malattia, ma come un'esposizione prolungata a un rischio che può diminuire l'efficienza sul lavoro e determinare un stato di salute precario; esso si manifesta quando i lavoratori si trovano ad avere uno squilibrio tra quanto loro richiesto e le risorse/tempistiche a loro disposizione per rispondere a questo. Lo stress lavorativo influisce sulle singole persone, ma anche sulle aziende e sull’economia, diventando un rischio per la sicurezza e la salute quando è prolungato nel tempo. Lo stress da lavoro correlato può portare a problemi di salute mentale e fisica, e può colpire:
a)  chiunque, a qualsiasi livello;
b)  qualsiasi settore;
c)  aziende di ogni dimensione.   
Lo stress influisce sulla salute e la sicurezza delle singole persone, sulla efficienza delle imprese e sulla robustezza delle economie; inoltre lo stress è in grado di provocare malattie e disagio sia in ambito lavorativo che in ambito familiare. Lo stress oltre che fisico può essere emotivo in particolare quando i compiti assegnati sono eccessivi. I disturbi più evidenziati dai lavoratori sono: i disturbi del sonno, nevrastenia e sindrome da fatica cronica. Tra i diversi rimedi a contrasto dello stress c'è il ridimensionamento delle aspettative economiche e di carriera e il dosaggio dellle motivazioni.
Tra le categorie di lavoratori maggiormente colpiti da stress lavorativo troviamo gli insegnanti e i lavoratori degli uffici. I primi sono più a rischio di sindrome di "burn-out" che viene definita dagli esperti del settore come "l'incombenza potenziale e il rischio dello sviluppo di questa sindrome rilevante per le persone il cui stile di vita e i ritmi lavorativi si associno ad alti livelli di stress, e i cui tratti e l’organizzazione globale di personalità presentino elementi di fragilità che possono intersecare sfavorevolmente con condizioni lavorative ed esistenziali particolarmente stressanti"; le motivazioni vanno ricercate nella eccessiva burocratizzazione, scarse possibilità di carriera e bassa retribuzione. I secondi per non farsi sommergere da una stressante attività lavorativa dovrebbero prendere posture corrette e stare attenti a mouse e tastiera al PC, fare movimento e quando è possibile ginnastica e/o una camminata. 

Stress lavoro correlato:
Normativa di riferimento
Il D.Lgs.81/08 (Testo Unico sulla sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro) stabilisce all’articolo 28, che il datore di lavoro, nell'ambito della valutazione dei rischi debba considerare anche quelli collegati allo ”stress da lavoro correlato", che risulta rilevante in molte attività ed in particolare in quella degli uffici. La Commissione Consultiva permanente per la sicurezza e la salute del lavoro ha approvato le indicazioni per la valutazione dello stress lavoro-correlato diffuse successivamente dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali con Lettera Circolare del 18/11/2010; tali indicazioni consentono ai datori di lavoro di intraprendere un percorso idoneo e adeguato per la valutazione del rischio da stress lavoro correlato, così come disposto dagli artt.6 e 28 del D.Lgs. 81/08. Le aziende che non si adeguano ai dettami della norma rischiano sanzioni amministrative da "2500 a 6400 €" e penali da "3 a 6 mesi di arresto".

Stress lavoro correlato:
Link di riferimento
Vi indichiamo alcuni siti web di aziende o pubbliche amministrazioni che trattano il fenomeno dello stress lavoro correlato. L'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro si occupa di prevenzione e protezione dei lavoratori svolgendo attività di sensibilizzazione e di informazione sull'importanza della salute e della sicurezza dei lavoratori per la stabilità e la crescita in Europa, da un punto di vista sia sociale sia economico; si interessa sul suo sito web anche di analisi e valutazione dello stress lavoro correlato. L'INAIL mette a disposizione sul suo portale un recente aggiornamento del manuale che individua e caratterizza un percorso metodologico che permette al datore di lavoro, alle figure della prevenzione ed ai lavoratori, di valutare e gestire il rischio da stress lavoro-correlato senza incontrare particolari difficoltà nella stesura dello stesso; il tutto deve essere svolto dal datore di lavoro secondo le indicazioni specifiche individuate dalla Commissione Consultiva permanente per la salute e la sicurezza del lavoro. Sul portale del Ministero della salute  nella sezione dedicata alla sicurezza sul lavoro vengono proposti numerosi articoli e notizie che trattano dello stress da lavoro correlato, inoltre mette a disposizione tutta la normativa relativa a questo rischio lavorativo. lo Spisal di Verona tratta in modo esaustivo lo stress lavorativo e presenta delle check-list per la valutazione del rischio. Il sito Stress Lavoro Correlato della società Blumatica dà la possibilità accrescere la consapevolezza e la comprensione dello stress da lavoro correlato da parte dei datori di lavoro; propone anche un software dedicato al fenomeno che contiene l'analisi e la valutazione di questo rischio; inoltre contiene tutti i riferimenti normativi salienti. Il sito Ambiente Europa si occupa dello stress da lavoro correlato facendo riferimento e commentando l’Accordo europeo in materia del 2004.

Stress lavoro correlato:
Cause del fenomeno      
Si riscontra che sono sempre di più i lavoratori colpiti da problemi legati allo stress da lavoro, tra i principali motivi possiamo individuare:      
1)   il lavoro non più stabile e sicuro ma sempre più precario;
2)   le forti pressioni delle aziende sui lavoratori in particolare su ritmi e qualità del lavoro;
3)   i dirigenti che usano violenza e molestie di natura psicologica sui lavoratori;
4)   la crescita del carico di lavoro e spesso anche del ritmo di lavoro;
5)   i cambiamenti e le innovazioni, spesso continui, apportati all’organizzazione e alla gestione del lavoro;
6)   il mancato equilibrio tra l’attività lavorativa e la vita privata delle persone.

Stress lavoro correlato:
Prevenzione
La responsabilità di stabilire le misure adeguate da adottare, per mitigare o eliminare tale rischio, spetta al datore di lavoro. Queste misure è bene che vengano attuate con la partecipazione e la collaborazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti, ne segnaliamo alcune tra le più significative:
♦  "misure di gestione e di comunicazione" in grado di chiarire gli obiettivi aziendali e il ruolo di ciascun lavoratore, di assicurare un sostegno adeguato da parte della direzione ai singoli individui e ai team di lavoro, di portare a coerenza responsabilità e controllo sul lavoro, di migliorare l’organizzazione, i processi, le condizioni e l’ambiente di lavoro;
♦  "la formazione dei dirigenti e dei lavoratori" mirata a migliorare la loro consapevolezza e la loro comprensione nei confronti dello stress, delle sue possibili cause e del modo in cui affrontarlo, e/o per adattarsi al cambiamento;
♦  "l’informazione e la consultazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti", in conformità alla legislazione europea e nazionale, ai contratti collettivi e alle prassi.
Grande rilevanza ha l’intervento del medico competente poiché, oltre a collaborare alla valutazione del rischio stress (valutando anche la possibile relazione tra attività lavorativa ed i disturbi rappresentati), può intervenire alla formazione e informazione dei lavoratori e può contribuire a riconoscere l’insorgere del fenomeno facendo una diagnosi anticipata sugli effetti per la salute dei lavoratori; può infine predisporre (in accordo con l'azienda) interventi di modifica della situazione lavorativa a rischio stress.

Stress lavoro correlato:
Gestione
Per tenere sotto controllo e gestire il rischio stress è importante mettere in campo una gestione dello stress rivolta sia all’organizzazione del lavoro sia alle modalità operative e comportamentali dei lavoratori e predisporre un’accorta sorveglianza sanitaria che contempli anche eventuali interventi di supporto; infine ove necessario si può ricorrere alla terapia e alla riabilitazione. L’obbligo sancito dal D.Lgs. 81/08 non deve essere inteso come un vincolo oppure una intimidazione dalle aziende, ma deve spingere le stesse ad un’assunzione di responsabilità e ad una presa di coscienza indirizzate a soddisfare la necessità di “benessere psicofisico dei lavoratori nello svolgimento della loro attività" e su come questo possa avere un effetto positivo sulla salute dei lavoratori, migliorando, nel contempo, l'efficienza dell’organizzazione aziendale e quindi procurando un vantaggio competitivo alle aziende stesse in qualunque settore svolgano la loro attività.



Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Sicurezza luoghi di lavoro

La sicurezza luoghi di lavoro è una delle tematiche più rilevanti nelle ...

Sicurezza lavoro

La sicurezza nei luoghi di lavoro deve essere tutelata dal datore di lavoro con ...

Ambiente sicurezza lavoro

"Ambiente sicurezza lavoro" è quel complesso di attività da svolgere nei ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati

Dati societari art. 42 Legge 88/2009
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta