Collegamenti sponsorizzati

Nomina medico competente

Medico Competente: come nominarlo

Articolo aggiornato il 23-10-2013

Medico Competente: come nominarlo
Collegamenti sponsorizzati

Dovete nominare il medico competente? Molte aziende devono averne uno per ottemperare a quanto disposto dal Dlgs. 81/08. La nomina deve essere effettuata dal datore di lavoro. Nel testo che segue potete trovare un esempio di lettera per la nomina del medico competente ed alcuni link utili per avere informazioni.

Nomina medico competente: Incarico
La nomina del medico competente viene effettuata dal datore di lavoro qualora ritenga necessario attivare la sorveglianza sanitaria, in questo caso il datore di lavoro deve procedere alla nomina per iscritto. E' necessario che il datore di lavoro rediga una lettera di incarico in cui vengano descritti i compiti che il medico deve adempiere al fine di garantire l’osservanza di tutti gli obblighi di legge, questo perché in alcuni casi la responsabilità della mancata esecuzione di alcuni atti o azioni da parte del medico competente ricadrebbe sul datore di lavoro. Inoltre il medico competente è l’unico titolare dei compiti previsti al comma 1 lettera a) dell'art. 25 del D.lgs.81/08 questi compiti non sono delegabili. Il medico competente può avvalersi della consulenza di medici specialistici, per motivate ragioni.

Nomina medico competente: O
bblighi del medico competente
Vediamo quali sono gli obblighi di legge per il medico competente:
a) collabora con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, anche ai fini della programmazione, ove necessario, della sorveglianza sanitaria, alla predisposizione della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori, all’attività di formazione e informazione nei confronti dei lavoratori, per la parte di competenza, e alla organizzazione del servizio di primo soccorso considerando i particolari tipi di lavorazione ed esposizione e le peculiari modalità organizzative del lavoro. Collabora inoltre allaattuazione e valorizzazione di programmi volontari di promozione della salute, secondo i principi dellaresponsabilità sociale;
b) programma ed effettua la sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41 del Dlgs. 81/08 attraverso protocolli sanitari definiti in funzione dei rischi specifici e tenendo in considerazione gli indirizzi scientifici più avanzati;
c) istituisce, aggiorna e custodisce, sotto la propria responsabilità, una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Tale cartella è conservata con salvaguardia del segreto professionale e tenuta presso il luogo di custodia concordato al momento della nomina del medico competente con il datore di lavoro, salvo il tempo strettamente necessario per l’esecuzione della sorveglianza sanitaria e la trascrizione dei relativi risultati;
d) consegna al datore di lavoro, alla cessazione dell’incarico, la documentazione sanitaria in suo possesso, nel rispetto delle disposizioni di cui al decreto legislativo del 30 giugno 2003, n.196, e con salvaguardia del segreto professionale;
e) consegna al lavoratore, alla cessazione del rapporto di lavoro, copia della cartella sanitaria e di rischio, e gli fornisce le informazioni necessarie relative alla conservazione della medesima;
f) l’originale della cartella sanitaria e di rischio va conservata, nel rispetto di quanto disposto dal D.Lgs.196/03, da parte del datore di lavoro, per almeno dieci anni, salvo il diverso termine previsto da altre disposizioni del presente decreto;
g) fornisce informazioni ai lavoratori sul significato della sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione della attività che comporta l’esposizione a tali agenti. Fornisce altresì, a richiesta, informazioni analoghe ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
h) informa ogni lavoratore interessato dei risultati della sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41 e, a richiesta dello stesso, gli rilascia copia della documentazione sanitaria;
i) comunica per iscritto, in occasione delle riunioni di cui all’articolo 35, al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione protezione dai rischi, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori;
l) visita gli ambienti di lavoro almeno una volta all’anno o a cadenza diversa che stabilisce in base alla valutazione dei rischi; la indicazione di una periodicità diversa dall’annuale deve essere comunicata al datore di lavoro ai fini della sua annotazione nel documento di valutazione dei rischi;
m) partecipa alla programmazione del controllo dell’esposizione dei lavoratori i cui risultati gli sono forniti con tempestività ai fini della valutazione del rischio e della sorveglianza sanitaria;
n) comunica, mediante autocertificazione, il possesso dei titoli e requisiti di cui all’articolo 38 al Ministero della salute entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

Nomina medico competente: Dove trovarlo
Vi segnaliamo alcuni link di società che si occupano di sicurezza sul lavoro e in particolare della figura del medico competente compresa la sua nomina. L’Inail (Istituro Nazionale per l'Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro)  mette a disposizione la legislazione aggiornata e presenta articoli interessanti in materia di antinfortunistica e tutela della salute dei lavoratori; inoltre c'è la possibilità di contattare l’istituto per trovare un medico competente per la propria azienda. La Smdl Group servizi per la medicina del lavoro di Vicenza offre, in relazione alla tutela della sicurezza sul posto di lavoro, i seguenti servizi: consulenza medico legale, valutazione dei rischi ambientali nell ambiente di lavoro, gestione dell'infermeria aziendale; inoltre propone corsi di formazione sicurezza fra cui corso primo soccorso. Il sito Medicocompetente.it si occupa di sicurezza sul lavoro e in particolare delle attività a carico del Medico Competente, in particolare delle modalità per la nomina medico competente.

Nomina medico competente: esempio di lettera di nomina
Carta intestata dell'Azienda
Nomina Medico Competente
( Art.18, comma 1, lettera a), Dlgs. 81/2008 )
Il sottoscritto…………………………………………………nato a …………………………….…...
il…………….. nella qualità di …………………………. della Ditta………………………………...
con sede legale in………………………………. alla via……………………………………………..
CF……………………Partita IVA………………………………..
Nomina
Il Dr……………………………………………nato a ………………………………..il……………..
e residente in……………………………alla via……………………………………in possesso della
Specializzazione / Docenza / Libera Docenza In………………………………………………………...
Medico Competente
della propria impresa ed a svolgere per essa la sorveglianza sanitaria nel rispetto e secondo quanto
sancito dagli att.38; 39; 40; 41 e 42 del Dlgs. 81/2008.
La sorveglianza sanitaria comprende:
a) visita medica preventiva intesa a constatare l'assenza di controindicazioni al lavoro cui il
lavoratore e' destinato al fine di valutare la sua idoneita' alla mansione specifica;
b) visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il
giudizio di idoneita' alla mansione specifica. La periodicita' di tali accertamenti, qualora non
prevista dalla relativa normativa, viene stabilita, di norma, in una volta l'anno. Tale periodicita'
puo' assumere cadenza diversa, stabilita dal medico competente in funzione della valutazione del
rischio. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, puo' disporre contenuti e
periodicita' della sorveglianza sanitaria differenti rispetto a quelli indicati dal medico competente;
c) visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente
correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa
dell'attivita' lavorativa svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneita' alla mansione specifica;
d) visita medica in occasione del cambio della mansione onde verificare l'idoneita' alla
mansione specifica;
e) visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla normativa vigente.
Per l’incarico conferito al Dr………………………………………………… viene corrisposto il
compenso lordo di €………………………..ed. il presente incarico avrà durata di …………….. a
partire dalla data di sottoscrizione della presente e si intenderà automaticamente rinnovato per
uguale periodo in mancanza di disdetta di una delle due parti, da inviare almeno tre mesi prima
della scadenza a mezzo raccomandata.
Il Dr………………………………….……si assume ogni responsabilità in ordine all’attività svolta.
Data……………………..
……………………………………………
(timbro e firma datore di lavoro )
Il Dr……………………………………………Accetta l’incarico e, integralmente e
specificamente, le condizioni di cui sopra.
Data…………………….
…………………………………………
( firma del medico)

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Responsabile sicurezza lavoro

Il Responsabile Sicurezza Lavoro è quella figura professionale che si occupa ...

Sicurezza luoghi di lavoro

La sicurezza luoghi di lavoro è una delle tematiche più rilevanti nelle ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati

Dati societari art. 42 Legge 88/2009
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet