Collegamenti sponsorizzati

Il certificatore energetico

Che cosa fa il certificatore energetico

Che cosa fa il certificatore energetico
Collegamenti sponsorizzati
Il certificatore energetico è quel soggetto tecnico che si occupa della certificazione energetica degli edifici in relazione a quanto stabilito dalla normativa in vigore sull’argomento. In particolare la sua opera è indispensabile nei casi di vendita o locazione di appartamenti o edifici ad uso abitativo o commerciale, che per essere immessi sul mercato, devono avere l’Attestazione Prestazione Energetica - APE (ex ACE). Il certificatore energetico per poter operare correttamente deve avere dei requisiti professionali specifici ed essere accreditato da organismi preposti; inoltre deve aver partecipato ad appositi percorsi formativi stabiliti dalla norma.
Il certificatore energetico
Negli ultimi anni si sempre di più affermata, avendo nel contempo notevoli sviluppi nel mercato del lavoro, la professione del “certificatore energetico”. Possiamo definire questa figura professionale come “quel soggetto tecnico abilitato ai fini dell'attività di certificazione energetica nel settore dell’edilizia”. Il DPR 16 aprile 2013, n.75 (in vigore dal 12/07/2013)  fissa i requisiti professionali e i criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti o degli organismi a cui affidare la certificazione energetica degli edifici, di cui all'articolo 4, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.192, e successive modificazioni. Il decreto ha lo scopo di dare un'applicazione omogenea, coordinata e immediatamente operativa delle norme per la certificazione energetica degli edifici su tutto il territorio nazionale. Nel decreto vengono definite le regole per svolgere la professione di certificatore, si individuano i titoli di studio e si disciplinano i percorsi formativi per questa attività e i requisiti di indipendenza e imparzialita' dei soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha precisato, con la Circolare 25/06/2013 n. 12976 (chiarimenti in merito all’applicazione delle disposizioni di cui al DL 63/13 in materia di attestazione della prestazione energetica degli edifici) che fino a quando non sarà definita la nuova metodologia di calcolo della prestazione energetica degli edifici, l’attestato di prestazione energetica (APE, che ha sostituito l’attestato di certificazione energetica ACE), dovrà essere redatto secondo la vecchia metodologia di calcolo di cui al Dpr 59/2009 che fissa i criteri generali, le metodologie di calcolo e i requisiti minimi per la prestazione energetica degli edifici e degli impianti. Segnaliamo che con l’emanazione del DM 290/12 viene eliminata la possibilità di autocertificazione della propria abitazione come avvenuto in tempi recenti specialmente per gli immobili con bassa efficienza energetica (classe G). Per tale motivazione è necessario rivolgersi a tecnici abilitati e ciò permette di avere, da parte di questi soggetti, molte occasioni di lavoro. Con l’emanazione di questo Decreto il ministero si propone come obiettivi sia quello di incentivare “l'efficienza energetica edifici” e sia quello di imprimere un nuovo impulso alle imprese che sono presenti nel settore. Infine precisa in modo chiaro quali sono i fabbricati che non hanno bisogno di certificazione e stabilisce anche le relative procedure di controllo e tolleranze dei risultati dei software occorrenti per la certificazione.

Quali sono i requisiti del Certificatore energetico?
I soggetti che possono eseguire la certificazione energetica degli edifici sono i seguenti: i tecnici abilitati; gli enti pubblici e gli organismi di diritto pubblico operanti nel settore dell’energia e dell’edilizia, le cui attività siano esplicate con uno o più tecnici abilitati; gli organismi pubblici e privati qualificati ad effettuare attività di ispezione nel settore delle costruzioni edili, opere di ingegneria civile e impiantistica connessa, accreditati presso Accredia, l’organismo nazionale di accreditamento o un suo equivalente europeo, sempre le cui attività siano esplicate con uno o più tecnici abilitati; le società di servizi energetici (ESCO), che operino anche attraverso uno o più tecnici abilitati. Il Decreto trova applicazione nelle Regioni e Province autonome che non si sono dotate di propria disciplina in materia di qualificazione dei certificatori energetici, e comunque fino all’entrata in vigore delle norme regionali. Le Regioni e Province autonome che invece hanno già legiferato in materia di “certificazione energetica degli edifici” sono tenute a conformare la loro normativa per renderla coerente con quella nazionale. Inoltre stabilisce quale deve essere la formazione di base pregressa: laurea in specifiche classi, oppure diploma di istruzione tecnica nel settore tecnologico, iscrizione all'ordine di competenza (architetti, ingegneri, geometri o periti industriali), ma devono operare solamente “all'interno delle proprie competenze”; oppure laureati in altre classi (definite da apposita normativa) o diplomati, ma in possesso dell'attestato di frequenza a un corso di formazione per la certificazione energetica degli edifici (della durata minima di 64 ore), tra quelli autorizzati dal ministero dello Sviluppo economico insieme con l'Ambiente e le Infrastrutture. Qualora siano assenti competenze specifiche, il certificatore è tenuto a farsi affiancare da un altro tecnico abilitato. I corsi abilitanti sono svolti a livello nazionale da università, enti di ricerca, ordini e collegi professionali; a livello regionale dalle Regioni e Province autonome e da altri soggetti autorizzati dalle Regioni (tenendo presente quanto disposto da'allegato 1). Al fine di garantire imparzialità e indipendenza ai tecnici abilitati incaricati della certificazione nel momento della sottoscrizione dell’attestato certificazione questi dichiarano:
a) nel caso di certificazione di edifici di nuova costruzione, l'assenza di conflitto di interessi, tra l'altro espressa attraverso il non coinvolgimento diretto o indiretto nel processo di progettazione e realizzazione dell'edificio da certificare o con i produttori dei materiali e dei componenti in esso incorporati, nonché rispetto ai vantaggi che possano derivarne al richiedente;
b) nel caso di certificazione di edifici esistenti, l'assenza di conflitto di interessi, ovvero di non coinvolgimento diretto o indiretto con i produttori dei materiali e dei componenti in esso incorporati, nonché rispetto ai vantaggi che possano derivarne al richiedente.
Nel caso in cui il soggetto incaricato della certificazione risulta dipendente o lavora per enti pubblici oppure organismi di diritto pubblico del settore energetico o dell’edilizia, il requisito di indipendenza ed imparzialità di giudizio si intende superato dalle stesse finalità istituzionali di perseguimento di obiettivi di interesse pubblico proprie di tali enti ed organismi.

Cosa deve fare?
Premesso che il legislatore si è posto come obiettivo primario della “certificazione energetica degli edifici” quello di contribuire alla riduzione dei consumi energetici nel settore dell’edilizia, in cui vi è un forte utilizzo di energia, l’attività che deve svolgere il certificatore energetico si inquadra in questa logica. Il tecnico abilitato ai fini del rilascio dell’attestato certificazione energetica ha il compito di fare una visita all’immobile nella quale verifica quali sono gli impianti in esercizio, individua il loro stato di conservazione e constata il loro funzionamento. Riveste notevole importanza controllare l’impianto di riscaldamento, l’impianto idrosanitario ed eventuali impianti di produzione di energia rinnovabile (come pannelli fotovoltaici o termici). Al termine della verifica redige il certificato (che è un documento formato da quattro pagine nel quale sono indicati i consumi dell'unità immobiliare nell’arco dell’anno solare per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria) per il proprietario dell’immobile e ne invia copia agli uffici della regione di competenza.

I casi in cui vige l’obbligo di attestazione certificazione energetica
Essere in possesso dell’Attestazione Prestazione Energetica è obbligatorio nelle seguenti situazioni:
• vendita o locazione di un immobile (sia di abitazione unica o che di edificio completo)
• richiesta incentivi fiscali per migliorare le prestazioni energetiche dell’immobile
• edificazione di nuovi stabili 
• ristrutturazioni che variano le caratteristiche energetiche dell’edificio
• ampliamento della volumetria di un fabbricato.

Aziende per la certificazione energetica degli edifici

Tra le molte associazioni o professionisti che si interessano della certificazione energetica degli edifici ne segnaliamo alcune che, a nostro parere, sono tra le più rilevanti. L'Associazione Certificatori energetici è un'associazione professionale senza fini di lucro, che rivolge la sua attività alla promozione della certificazione energetica degli edifici e all'uso efficiente dell'energia. Inoltre nel suo sito è possibile trovare sull'argomento documenti, pubblicazioni, normativa, download. Certificazione energetica senza pensieri è una società di professionisti che lavora nel settore della riqualificazione e certificazione energetica. Per la sua attività adopera strumenti software di certificazione energetica degli edifici sempre aggiornati che garantiscono il rispetto della normativa vigente per qualsiasi destinazione d'uso del fabbricato. Energy Expert è un portale di E.ECO srl (con sedi a Roma, Cagliari e Ancona) che si interessa di efficienza e risparmio energetico nel settore industriale, terziario, agricolo e residenziale; con la sua attività è in grado di offrire prodotti e servizi integrati a famiglie, imprese ed enti su: energie rinnovabili, efficienza energetica e gestione delle emissioni di CO2. Si occupa anche di certificazione energetica degli edifici. Certificato-energetico.it è un sito web di un’associazione che riunisce alcuni certificatori abilitati alla redazione di “attestato prestazione energetica” (APE- ex ACE ) o attestato qualificazione Energetica (AQE) che si trova a Roma. Sul sito si possono trovare trovano notizie e consigli in materia. Certificazione Energetica è un portale online che si occupa di preventivi per la certificazione energetica nel settore immobiliare. Nella sezione Certificatori del sito si possono trovare tali soggetti in ogni zona del paese che offrono un servizio di consulenza volto al risparmio energetico degli edifici. Inoltre propone numerosi articoli sulla certificazione energetica degli edifici.
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network



Lascia un commento su questa pagina:

Nome (Richiesto)
E-mail (Richiesta, non sarà pubblicata)
    Riscrivi le lettere visualizzate sulla sinistra

Collegamenti sponsorizzati

Argomenti Correlati

Sicurezza Ambientale

La "sicurezza ambientale" è indispensabile per evitare inquinamenti o ...

Consulenza ambientale

La consulenza ambientale, sconosciuta fino a qualche anno fa, sta acquistando ...


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati

Dati societari art. 42 Legge 88/2009
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta